logo ventisetterosso
Gilles Villeneuve
album foto
Avevamo la necessità di inserire on-line la moltitudine di fotografie che abbiamo selezionato in giro per il web, quelle che ci avete gentilmente inviato ed ancora, le inedite che avevamo nei nostri archivi. Abbiamo deciso di riunirle in un unico album per dare a tutti la possibilità di viverle e condividerle. Tutte queste immagini ci parlano di Gilles, ci narrano delle sue imprese sportive, ma vanno viste con gli occhi di chi guarda le foto di un amico che non vedeva da tanto, troppo tempo. Villeneuve persona e non il personaggio, Villeneuve uomo e non il campione.
Certo, è difficile concepirlo diverso da quello che queste foto esprimono e dall'immaginario collettivo che ne ha fatto di lui un moderno eroe, ma in fondo Gilles rappresenta tutti coloro che sono riusciti a realizzare i propri sogni, a raggiungere traguardi impensabili, con una grande dose di caparbietà, volontà e soprattutto sacrificio. Una persona normale che ha fatto cose eccezionali; per sè stesso forse, ma non certo per diventare un martire o un paladino.
Ecco, se riusciremo a stimarlo anche per tutto ciò che ha fatto nel realizzare il suo mito, per la sua abnegazione, la generosità, la fatica e la lealtà nel concretizzare il concetto di essere il migliore o per lo meno quello di provare ad esserlo, ebbene, solo allora afferreremo la sua vera essenza vitale e gli offriremo una nuova ragione per essere vissuto, per aver lasciato in noi un dolce, tremendo ed inestinguibile ricordo.
1973
1973
1973
1973
1973
1973
1973


"Io amo profondamente il mio Paese, i suoi lunghi inverni, la neve, i silenzi. E la nostalgia si fa ancora più forte quando penso che probabilmente non ritornerò mai più a vivere nella cittadina dove sono nato."
1974
1974
1974
1974
1974
1974
1974


"Gilles sa sempre esattamente quello che vuole. E per ottenerlo fa sempre ciò che sente di dover fare, non importa quali siano gli ostacoli." - Kris Harrison
1974
1974
1974
1974
1974
1974


"A parità di macchina, se voglio che uno mi stia dietro, state tranquilli che ci resta."
1975
1975
1975
1975
1975
1975
1975


"Oggi ho combattuto ed è questo che mi piace fare."
1975
1975
1975
1975
1975
1975


"Gilles è consapevole di quali siano i suoi limiti. Limiti che sono diversi da quelli di un pilota normale e che Gilles è pronto a raggiungere più spesso." - Ray Wardell
1976
1976
1976
1976
1976
1976
1976


"Joanna e i bambini sono parte di lui nel senso più assoluto. Sono la sua vita. Sono Gilles. Per lui è importantissimo che loro siano là tutto il tempo." - Ray Wardell
1976
1976
1976
1976
1976
1976


"Se cerchi il limite, intanto devi passarlo."
1977
1977
1977
1977
1977
1977
1977


"Non penso alla morte, ma accetto il fatto che sia parte del gioco."
1977
1977
1977
1977
1977
1977


"Amo pensare che la Ferrari può costruire piloti quanto macchine. Alcuni dicono che Gilles sia pazzo. Ma io dico: lasciate che provi." - Enzo Ferrari
1977
1977
1977
1977
1977
1977


"Pretendo di essere sempre il migliore, in tutto. È nel mio carattere. Non m'interessa una posizione da comprimario."
1978
1978
1978
1978
1978
1978
1978


"Penso che il mio principale difetto sia quello di essere egoista. Quello che è mio, è soltanto mio."
1978
1978
1978
1978
1978
1978


"In Formula 1 quelli col casco si dividono in due categorie: ci sono i piloti e quelli che semplicemente guidano le macchine da corsa."
1978
1978
1978
1978
1978
1978


"Dietro la sua immagine pubblica c'è un uomo insicuro." - Joanna Villeneuve
1978
1978
1978
1978
1978
1978


"Mi piace la vita di pilota della Ferrari, ma le persone mi guardano come se fossi una scimmia in gabbia."
1979
1979
1979
1979
1979
1979
1979


"Si dedica totalmente a quello in cui crede: alle corse, alla famiglia, agli amici." - Franco Lini
1979
1979
1979
1979
1979
1979


"Ho rivisto il mio incidente e penso di aver imparato qualcosa anche da quello. C'è sempre qualcosa da imparare."
1979
1979
1979
1979
1979
1979


"Quando lo guardi rimani colpito dal suo ritmo naturale, ma anche un po' preoccupato per lui." - Nigel Roebuck
1979
1979
1979
1979
1979
1979


"Al volante ci sono io e so io quel che succede."
1979
1979
1979
1979
1979
1979


"Era chiaro che se Jody fosse stato davanti a me, avrei perso la possibilità di vincere il campionato, ma non ero irritato per questo, obbedivo semplicemente agli ordini."
1980
1980
1980
1980
1980
1980
1980


"Se qualcuno mi avesse chiesto tre desideri, il mio primo sarebbe stato quello di correre in auto, il secondo di arrivare in Formula 1 ed il terzo di guidare per la Ferrari."
1980
1980
1980
1980
1980
1980


"Da Gilles ho avuto una lezione di vita: mi ha insegnato a non darsi per vinti." - Roberto Nosetto
1980
1980
1980
1980
1980
1980


"Io credo che quando faccio un incidente, per i giornali, la televisione o per quello che immagina la gente, è come se io avessi fatto cinque incidenti."
1981
1981
1981
1981
1981
1981
1981


"Quando mi chiamavano l'Aviatore per me non era simpatico. La gente non si rendeva conto che ero un pilota inesperto e le mie uscite di strada facevano notizia perché correvo per la Ferrari."
1981
1981
1981
1981
1981
1981


"Io do il tutto per tutto pur di arrivare primo invece che racimolare punti, non ho nessuna intenzione di vincere il campionato del mondo piazzandomi terzo o quarto tutte le volte."
1981
1981
1981
1981
1981
1981


"Datemi qualsiasi cosa a motore e io ve lo porterò al limite."
1981
1981
1981
1981
1981
1981


"Io corro per vincere, si capisce. Ma prima ancora che per vincere, corro per correre. Il più forte possibile."
1982
1982
1982
1982
1982
1982
1982


"Se è vero che la vita di un essere umano è come un film, io ho avuto il privilegio di essere la comparsa, lo sceneggiatore, l'attore protagonista ed il regista del mio modo di vivere."
1982
1982
1982
1982
1982
1982


"Vivo per correre, per diventare campione del mondo. Vorrei vincere uno, due, tre titoli."
1982
1982
1982
1982
1982
1982


"Se mi vogliono sono così, di certo non posso cambiare: perché io, di sentire dei cavalli che mi spingono la schiena, ne ho bisogno come dell'aria che respiro."
Gilles Villeneuve


Era giunto in cima alla sua montagna e certamente, da lassù, vedeva le cose in un'ottica
diversa  dalla  nostra,  di  noi  che,  umili  formiche,  abbiamo  scelto  di  vederle  dal  basso.


(Jeff Hutchinson da "Grand Prix International magazine" del 13 maggio 1982)